Twitter Shortcut: i tasti scorciatoia di Twitter

I veri Geek e i veri smanettoni sanno usare i programmi molto velocemente perchè spesso ne conoscono le cosìdette "shortcut", ovvero quelle combinazioni di tasti che eseguono specifiche azioni in modo rapidissimo.

Un po' come tutti sanno che si usa Ctr+C per copiare e Ctr+V per incollare, anche Twitter ha le sue "scorciatoie", i suoi comandi rapidi che è possibile però utilizzare esclusivamente online sul sito www.twitter.com dopo il login.

Ecco un pratico elenco:

Da usare durante la navigazione su Twitter:

  • j/k per muoversi avanti e indietro tra i tweet
  • Enterper aprire un tweet selezionato o chiuderlo
  • barra spaziatrice per scorrere la pagina
  • Shift+space per tornare in alto
  • / per andare direttamente nella casella di ricerca
  • . per aggiornare la pagina e tornare in cima ai risultati

Mentre navighi nella tua Timeline

  • g seguito da  h per tornare alla home
  • g seguito da r per andare alle @mentions
  • g seguito da p per entrare nel tuo profilo
  • g seguito da f per andare ai favoriti
  • g seguito da m per andare ai messaggi diretti
  • g seguito da u per ricercare il profilo di uno dei tuoi contatti

Mentre leggi i Tweet (quindi quando ne hai selezionato almeno uno)

  • f per aggiungerlo ai favoriti
  • r per rispondere al tweet
  • t per fare un retweet del messaggio
  • m per inviare un messaggio diretto
  • n per comporre un nuovo tweet
  • Esc per cancellare il tweet che si stava componendo

Commenti

5 Risposte a “Twitter Shortcut: i tasti scorciatoia di Twitter”
  1. Signori, Signore,
    leggo Twitterando Italia e finalmente una spiegazione di Twitter “quasi” chiara !! ma piena di “buchi neri” nei quali solo un giovane adolescente, nella sua incoscienza, si getterà a capofitto non io, vecchio signore che cerca, attraverso Twitter, di ritrovare la propria sconosciuta figlia adolescente : Laetitia Theodora….!!
    Nelle vostre pagine, di vecchia composizione ed in inglese, NON si da modo a milioni o miliardi di possibili utenti di Twitter, di accedere ai diversi SERVIZI……per la semplice ragione che le vostre spiegazioni NON sono chiare……..No, esse sono chiarissime per voi che le avete estese ma NON lo sono per chi vi legge e che poco o nulla hanno a che fare con i sistemi informatici in generale……me, ad esempio !!!
    Li’ dove usate delle espressioni in inglese, che fanno parte della VOSTRA strutturazione del sistema, queste (la terminologia inglese) dovrebbero essere seguita, tra parentesi, della relativa traduzione nella lingua alla quale è destinato il messaggio. In italiano, nel mio caso !! affinché il “messaggio” (la espressione inglese in oggetto) sia meglio e prontamente assimilato/ricordato dal lettore e per conseguenza dall’utente.
    Dopo anni e dopo aver tentato invano di scoprire le funzioni di Twitter, in nessuna parte rivelate, finalmente entro in questo sito che, immagino, sia stato da voi voluto ma vedendo che proviene dall’Italia mi viene da pensare che forse esso, il sito, si potrebbe assimilare al VANGELO DI GIUDA
    ed ai suoi misteri……come tutto quel che accade in Italia.
    Se aveste, ad esempio, costruito una pagina filmata sul come accedere ed usare Twitter, forse, sarebbe stato piu immediato e semplice ma concordo che stampando le varie pagine, si puo’ dare ad esse un seguito strutturale nell’accesso al servizio…… ammesso che queste siano chiare, cosa che NON è assolutamente.
    In sintesi : ho un sito Twitter ma non so come usarlo o poterlo utilizzare al meglio, salvo che non vi dedichi immense ore quotidiane e che ne muoia in attesa della vostra ILLUMINAZIONE…!!
    Grazie per l’ospitalità
    Prof. Alessandro Vanno de’ Vanni
    Docente di Marketing Politico

    • Marco scrive:

      Dice il proverbio: “Chi sa, fa. Chi non sa, insegna”. E questo è l’esempio partico che chi non sa, insegna. Caro prof de’ Vanni… lei è professore di marketing politico (sempre che sia vera la cosa) e non sa niente di inglese???? e viene a lamentarsi con questo sito che non le permette di capire come usare twitter? ma io mi meraviglio che qualcuno le dia la possibilità di insegnare!!! Ignorante!! Se uno insegnasse veramente marketing, conoscerebbe sicuramente l’inglese (e glielo dico con cognizione di causa, visto che sono laureato in economia)….se poi invece di essere un vero professore, fa tutt’altro nella vita, be’ è solo un millantatore… oltre che, ovviamente, ignorante!

    • Pondopapy scrive:

      Vicino a “Marketing” dovrebbe mettere tra parentesi la traduzione in italiano. 😉

    • Pondopapy scrive:

      Dubito si tratti dell’originale; piuttosto un pirla che si firma con nome altrui

      http://www.cieliparalleli.com/Politica/alessandro-vanno-de-vanni.html

  2. 159Mi sovviene la risposta di Carl Jung al genitore che chiedeva consigli per crescere al meglio i propri pargoletti: “comunque farà, sappia che sbaglierà sempre”!Ringrazio di tutto cuore, per l’illuminante sostegno al mio tentativo di ridurre la difettosità delle mie scelte.

Commenta liberamente

Vuoi aggiungere qualcos'altro? Aiutaci ad essere completi e utili!